Fotografia Creativa ed affini

close

Italiano: Questo post è stato pubblicato 6 anni 9 mesi 26 giorni fà e potrebbe quindi non essere più attendibile. Questo sito non è responsabile per qualsiasi incomprensione o problema derivante dalla lettura del presente post.

Roma

© 2010 by Adolfo Trinca

Come sapete ogni tanto mi piace parlare dei libri che leggo, ho letto o mi piacerebbe leggere. Uno di questi è senz’altro quello segnalato da Claudia Rocchini nel suo post di ieri “Lo scatto Creativo“.

Il libro in questione non l’ho letto ma avendone letti altri di Peterson, po vi dirò, mi sembrava giusto segnalare, anche visto quello che ne dice Claudia questo volume che sicuramente ordinerò non appena finito di scrivere questo post.

Il libri di cui vi accennavo, quelli che ho già letto di Bryan Peterson, sono “Come fotografare la gente“, molto interessante ma sopratutto “Nuovo Corso Avanzato di Fotografia” che lessi nella sua prima versione (titolo: Corso Anazato di Fotografia) fu la causa della mia “rinascita” fotografia. Leggerlo fece riaccendere in me la passione per quella che adesso è anche una mania ^^

Non aggiungo altro visto che sia Claudia sia la redazione di ReflexShop hanno scritto tutto quello che c’è da sapere in dettaglio sui libri che vi ho segnalato.

4 Replies to “Fotografia Creativa ed affini”

  1. Sfondi una porta aperta :)
    Già in un post nominai il cavalletto come il miglior amico del fotografo.
    Chi seque i miei corsi può testimoniare quanto rompa le scatole con questo “inutile” accessorio :)
    Leggerò volentieri questo testo e sapere che Peterson è un sostenitore degli scatti a bassi iso mi fa venire ancora più voglia di comprarlo!!
    (pensavo fosse solo una mia depravazione scattare sempre a iso 100 :) )
    Condivido subito questo tuo post nei gruppi di fb che ho creato nei diversi corsi!

  2. Ciao Manuel, io non ho resistito ed il giorno dopo l’ho comperato ^_^
    E’ come al suo solito un libro leggibilissimo, ancora non l’ho finito ma si legge da solo.
    All’inizio prende un po in giro chi non trova ma tempo per fotografare scomponendo la giornata in “occasioni” fotografiche della durata di millisecondi, una cosa molto simpatica.
    Una cosa che sono curioso di approfondire durante la lettura è la sua affermazione a proposito dell’uso degli iso a 100 o 400 e mai oltre anche se le attuali fotocamere qualcosa in più riescono a dare. Parte da un principio che a me piace molto (da vecchiotto) il cavalletto è fondamentale ^_^

  3. Probabilmente seguirò il consiglio di Claudia anche io, così come il tuo esempio.
    Il “Nuovo Corso Avanzato di Fotografia” è l’ottimo volume che uso come libro di testo ai corsi ed è fatto davvero bene, semplice, chiaro e allo stesso tempo approfondito.
    Leggerò questo testo, anche solo per curiosità.
    E c’è sempre da imparare….

Rispondi