Prima di fare click

Traduzione più o meno corretta del post apparso su Beyond Mega Pixels. Tratta come avrete capito delle domande che ognuno di noi dovrebbe imparare a farsi prima di scattare una foto.

ASK YOURSELF BEFORE YOU CLICK

L’articolo è stato scritto da: Tiffany Joyce

Prendendo l’abitudine di porti una o più delle seguenti domande, prima di scattare, vedrai che le tue fotografie miglioreranno.

“confusion” by polandeze on Flickr Creative Commons.

Quel’è il mio soggetto? Immagino che per molti di voi potrà sembrare scontato. Stiamo per scattare una foto a qualche cosa e questo qualche cosa dovrebbe essere il nostro soggetto, giusto? Tuttavia, ci potremmo trovare nella situazione di scattare senza pensare, senza aver ben definito bene il soggetto della nostra fotografia. Prendete ad esempio la foto qui sopra. In questa occasione, io penso che il fotografo volesse semplicemente catturare il caos creato dalle linee. Ma, se non c’è un soggetto ben definito, molto spesso chi guarda la foto non è in grado di capire le intenzioni del fotografo.

“solitary tree” by Minnie Mouse Aunt on Flickr Creative Commons.

Che cosa voglio raccontare? C’è una storia dietro ogni fotografia. Quando guardi dentro il mirino, racconta a te stesso la storia che vuoi raccontare. Guarda la scena come un narratore ed essa verrà “assorbita” dalla fotografia quando la scatterai. Come esercizio, dai un titolo alla fotografia prima di scattarla. Sapere cosa andrai a scattare può aiutarti a focalizzare la storia che vuoi raccontare.

“One cow, one ferris wheel” by Kevin Dooley on Flickr Creative Commons.

Quale emozione vuoi suscitare? In maniera analoga al discorso sulla storia raccontata da una foto, una fotografia è avvincente quando suscita una qualche emozione. Quando componete la foto, prestate attenzione a quale sensazione vi genera la scena che state per riprendere. Pace? Felicita? Solitudine? Eccitazione? Disagio? Riconoscere la sensazione che provate vi aiuterà a concentrarvi sull’obiettivo ed a trasmettere questa sensazione alla vostra foto.

LOFOTEN
“LOFOTEN” by Johnny on Flickr Creative Commons.

Quale la composizione migliore per questa foto? Quando cerchiamo di migliorare le nostre foto non possiamo dimenticare l’aspetto tecnico proprio del nostro skill di fotografi. Quando prepariamo la macchina per lo scatto, in base alle vostre conoscenze, verificare se c’è un modo migliore di comporre la fotografia. Rallentate, prendete un bel respiro, e guardate nel mirino con occhio critico. Stai seguendo la regola dei terzi? La foto è bilanciata? state tagliando o unendo quello che non dovreste? Dov’è il fuoco? Com’è la luce? Se non è necessario, non avere fretta. Fidatevi del vostro istinto, ma allo stesso tempo date fiducia anche alle vostre competenze.

“Wedding Day Jump” by fevisyu on Flickr Creative Commons.

Chi è il io pubblico? Stai facendo delle foto per un cliente? Stai semplicemente scattando delle foto ricordo? Vuoi condividere le foto con i tuoi amici? Familiari? Stai per postarle on-line? Sono per un compito scolastico? Un progetto? Un concorso? Tieni rpesente chi sarà il tuo pubblico quando scatti la foto. In questo modo sarete sicuri di catturare delle immagini in sintonia con le loro aspettative.

Il resto, commenti compresi li potete andare a leggere nel post originale. Se aveste considerazioni o suggerimenti da darci, fatelo nei commenti, vene saremmo grati ;-)

78 consigli per fotografi idioti

78 divertenti regole fotografiche ed utili avvisi creati dal fotografo lituano Ivars Gravlejs

Occhio! che so cazzate!

(ndr) Anche se io ho imparato molto!!! Sarebbe carino che lasciaste un commento su queli sono le cazzate che fate voi, su che vi costa un minutino al massimo!

via: gawno.com

Cosa dovrebbe sapere ogni aspirante fotografo

Mi sono imbattuto in questo interessante articolo o come lo chiama lei avviso ed ho pensato bene di riportare quello che Cheryl Jacobs Nicolai ha sentito il bisogno di dire a quelli che stanno “decidendo” di diventare fotografi professionisti.

Abbiate pazienza per la traduzione approssimativa, spero sia meglio di quella fatta da google ^_^

Consiglio

Costruendo il mio nuovo blog (che cercherò di mantenere aggiornato nel miglior modo possibile), ho ritenuto opportuno postare di nuovo questo articolo visto che è per me un punto fisso, un ancora. L’ho scritto molti anni fa, ed ha girato su internet (sebbene il concetto di “fotografo” sia cambiato cosi come quello di “parrucchiere” e “scrapbooker” — ndr sarebbe uno che fà album dei ricordi – ), da allora.

***************************

Cosa dovrebbe sapere ogni aspirante fotografo

Questi sono miei pensieri, niente di più e niente di meno.

Ogni volta, durante i workshop, nelle e-mail, nei messaggi privati, mi chiedono quali suggerimenti potrei dare ad un aspirante fotografo. Ecco la mia risposta.

– Lo stile è una voce, ne un’intenzione ne un’azione. Se si può acquistare, prendere in prestito, effettuarne il download, o rubarla, non è stile. Non cercare fuori il tuo stile, guarda dentro di te.

– Impara a conoscere la tua attrezzatura. Un colpo di fortuna è un’evento sempre piacevole, ma è terrificante farci affidamento. E ‘come con il denaro; ce l’hai quando non ti serve.

– Non ti scusare mai per il TUO senso del bello. Nessuno può dire ciò che deve piacere o meno. Fai quello che fai sfacciatamente, senza mai scusarti. Non si può costruire il proprio senso estetico con il consenso.

– Di no. Dillo spesso.E’ difficile, ma lo devi a te stesso ed ai tuoi clienti. Rifiuta posti di lavoro che non ti convincono, di di no all’overbooking di te stesso. Non si fa’ il bene di nessuno quando sei stressati e ansiosi.

– Imparare a dire “Sono un fotografo” ad alta voce e con un’espressione seria. Se non ci credi per primo tu, non puoi aspettarti che qualcuno ci creda.

– Non è possibile specializzarsi in tutto.

– Non devi entrare nel business soltanto perché la gente di dice che dovresti farlo! E non dovete lavorare full time o ricavarne per forza un reddito per avere successo. Se decidi di entrare nel business, stabilisci i tuoi limiti, prima di iniziare.

– Impara il tuo stile prima di esporre la tua insegna. Se non lo fai, i tuoi clienti decideranno il tuo stile al tuo posto. Questo farà di voi dei semplici “scatta foto”. Cambiare il vostro stile in corsa vi costringerà a ricominciare tutto da capo, e questo è molto complicato.

– Accetta la critica, ma non farne alla cieca. Solo perché qualcuno ti ha detto di farlo. Le critiche sono pareri, nulla di più.Bisogna tener conto dei pareri, considera il punto di vista di chi critica, considera il tuo stile e quello che vuoi comunicare con il tuo lavoro. Realizza soltanto ciò che ha senso realizzare. Tutto ciò non ti rende ingrato, ti rende indipendente.

– Lasciatevi lo spazio e il tempo per crescere ed evolvere. Può sembrare una buona idea di chiamare il proprio business “Preziosi piedini paffutelli” (se non vi paice traducete voi: “Precious Chubby Tootsies”) …. Ma cosa succederà quando scoprirete di amore la fotografia delle persone anziane? O salottino? (come prima: Or boudoir)

– Ricorda che se il vostro lavoro è uguale a tanti altri, non c’è motivo che un cliente chiami voi piuttosto che qualcun altro. A meno che non siate più conveniente. E nessuno vuole essere conosciuto come “il fotografo più economico”.

– Trucchi e merci vanno e vengono, ma la fotografia fatta bene non passa mai di moda.

– E ‘più facile pensare di dover acquistare un’altro “pezzo di equipaggiamento” che accettare l’idea che potreste essere in grado di creare un grande lavoro con quello che già hai. Comprare attrezzatura è una distrazione comoda e costosa. Avete bisogno di una fotocamera decente, una lente decente, e un esposimetro. Finché non sarete in grado di usare la vostra attrezzatura in maniera magistrale, non spendere un altro centesimo. Spendete soldi per nuova attrezzatura SOLO quando sentite di averla portata al limite e che essa limita le vostre possibilità. Non ci sono proiettili magici.

– Imparate che la fotografia di persone parla di persone, non di fotografia. I grandi ritratti sono un effetto collaterale di un altrettanto forte legame umano.

– Non dimenticare mai perché hai iniziato a fotografare. Un ottima tecnica è un grande strumento, ma un pessimo prodotto. La cosa migliore che la vostra tecnica potrà fare è quella di non attirare l’attenzione su se stessa. Non lasciate mai che la tecnica sovrasti il soggetto.

– Mai confrontare il tuo percorso con quello di qualcun altro. E ‘una lunga marcia senza traguardo. Qualcuno potrebbe iniziare più veloce di voi, potrebbe sembrare che progredisca più velocemente di voi, ma ogni corridore ha il suo ritmo. Il tuo percorso è il viaggio, non una competizione. Non “arriverai” mai. Nessuno arriva mai.

– Abbracciate le vostre delusioni. Ti spinge ad imparare e crescere, allarga i tuoi orizzonti, e accende il fuoco in voi quando vi siete raffreddati. Nulla è più pericoloso per un artista dell autocompiacimento.

– CJ

Adesso due righe, sempre tradotto alla male e peggio dal suo sito, su Cheryl Jacobs Nicolai:

Il mio nome è Cheryl Jacobs Nicolai. Sono un dinosauro. Io lavoro solamente con pellicola bianco e nero e vecchie (a volte d’epoca) fotocamere. Adoro Cocoa Puffs e vino rosso, non nello stesso momento però. Sono un pessimo giocatore di pallavolo, e non indosso mai nulla di rosa. Sempre. Divido il mio tempo tra la fotografia ed il cantare nella mia band, le due cose mi danno equilibrio. Mi piace la grinta nella mia musica e la grana nelle mie fotografie. Io sono moderatamente sordo e cieco in maniera ridicola, il che spiega il mio amore per le texture.
Non mi troverete tutti i giorni sul mio blog. Preferisco aspettare finché non ho qualcosa da dire. Se vi capita di voler sapere quello che sto facendo in ogni momento, o, diciamo, che cosa sto mangiando a pranzo, mi potete seguire su Twitter @ cjnicolai.

Fotografo neofita? Ecco qualche consiglio

Fotografo neofita? Ecco qualche consiglio

La cosa importante in una foto
Ho trovato su flickr un post nel quale un neofita della fotografia domandava dei consigli su come approcciare la fotografia. Ecco alcune delle:

  1. Assuming they are very new It would be “fill the frame with your subject”.
  2. See the shadows.
  3. Focus Focus.
  4. Start with a 50mm on film, and learn to walk before you zoom.
  5. Set the white balance manually and learn the rule of thirds
  6. f8 and be there
  7. Don’t trust the LCD screen – learn to read the histogram  (http://www.luminous-landscape.com/tutorials/understanding-series/understanding-histograms.shtml)
  8. practice, practice, and practice.
  9. Make mistakes.
  10. Read the camera manual, know how to use your camera!!
  11. Don’t be afraid to experiment.

Mi trovo daccordo su tutti furche la numero 6. Il diaframma non serve solo a fa passare luce…da o toglie dettaglio e/o profondità di campo alla foto ^_^
Ed un’altra cosa che aggiungo io è: curate la composizione!!!