La prima foto alla Luna

Moon first Daguerreotype

Sarebbe meglio dire dagherrotipo dato che di quello si tratta. Infatti la prima immagine fotografica della luca, si dice, fu fatta dallo stesso inventore del dagherrotipo, Daguerre appunto, il 2 gennaio 1839. Purtroppo, nel marzo dello stesso anno, il suo laboratorio fu raso al suolo, distruggendo gran parte del suo lavoro e con esso l’immagine storica della luna. Un anno dopo, John William Draper, un medico e chimico americano fece il suo dagherrotipo della luna.

Fu un astronomo che coniò il termine di fotografia nel 1839, quando Johann Heinrich von Madler combinò “foto” (dalla parola greca che significa “luce”) e “grafia” (“scrivere”). Gli astronomi hanno abbracciato rapidamente l’uso di lastre fotografiche a causa della loro buona risoluzione e la capacità di rendere le immagini molto più grandi.

p.s.: Il nome di Daguerre è tra i 72 iscritti sulla Torre Eiffel.

La Superluna

Sabato prossima ci sarà la Superluna!!! No, non sono diventato scemo, si tratta di un fenomeno che ricorre ciclicamente. In pratica la luna sarà alla distanza minima dalla terra (circa 356.577 km) e sarà bellissimo vederla e…fotografarla!

L’ultima vola è accaduto nel marzo del 1993, stavolta non me la perdo…organizziamo un gruppo di scatto?

da Corriere.it:

ILLUSIONE LUNARE – «Gli effetti della “Superluna” sul nostro pianeta sono bassi», spiega anche il capo scienziato alla Nasa, Jim Garvin. Che sottolinea: «Tenendo conto di alcuni studi molto dettagliati di sismologi e vulcanologi, l’allineamento della Luna in combinazione con la Luna piena, non dovrebbe avere alcun effetto importante sulla Terra». Per godersi lo spettacolo al meglio dalle pagine dell’agenzia spaziale americana si raccomanda di osservare il satellite quando è più vicino all’orizzonte. Inoltre, guardando la Luna attraverso un oggetto in primo piano, come per esempio un albero, viene innescato un effetto ottico chiamato in modo fantasioso «illusione lunare». L’occhio umano viene di fatto ingannato e la Luna ci apparirà artificialmente enorme.

Mi raccomando cavalletto (ben stabile) e un bell’obiettivo zoom e segnalateci i risultati nei commenti magari ;-)

Ah, date una letta anche a quello che dice la NASA a proposito (il video qui sotto l’ho preso da li).

[youtube]http://www.youtube.com/watch?v=r1yalg_Apdw[/youtube]