Kestrel GX: non solo Lightroom o Aperture

Reading Time: 1 minute
close

Italiano: Questo post è stato pubblicato 8 anni 5 mesi 7 giorni fà e potrebbe quindi non essere più attendibile. Questo sito non è responsabile per qualsiasi incomprensione o problema derivante dalla lettura del presente post.

Magari non sarà all’altezza dei più blasonati software per la gestione del flusso fotografico ma considerando che non costa nulla vale la pena provarlo!

Kestrel GX è un software gratuito per la gestione del workflow operativo e dell’editing delle foto. Supporta più di 20 formati differenti fra cui alcuni RAW.

Si possono aggiungere tag e votare le foto con le classiche stelline cosi da consentire una ricerca più rapida. Si possono aggiungere watermark alle foto oppure convertirle in molti formati e creare dei PDF.

Insomma, le solite cose ma gratis, magari se non siete troppo esigenti potrebbe fare al caso vostro.

Kestrel GX è compatibile con Windows® XP, Windows® Vista e Windows® 7.

Via: Photorevolt

2 Replies to “Kestrel GX: non solo Lightroom o Aperture”

  1. Anch’io l’ho provato in maniera veloce e sono del tuo stesso avviso. Direi si tratta di un buon software per amatori che non hanno la necessità di archiviare centinaia di migliaia di foto.
    Grazie per la bellissima recensione.

  2. Grazie per la segnalazione.
    L’ho provato per una mezzoretta e ti dico le mie impressioni d’uso.
    Come visualizzatore lo trovo LENTO, ammetto che e’ un programma gratuito, ma almeno nell’apertura della foto (da NEF di una D200) ci mette il triplo del buon Irfanview.

    Nell’editing accusa lo stesso problema, a parte questo ha alcune soluzioni che trovo comode come la visualizzzazione doppia della foto, una originale e l’altra con le impostazioni correnti attive, oppure la semplicita’ di inserimento di un watermark, di contro si sente la mancanza della regolazione delle curve di colore/luminosita’, la possibilita’ di salvare le operazione per ripeterle in automatico, la NON richiesta di conferma di sovrascrittura del file dal pulsante SALVA (perfortuna lavoravo su files di prova) e l’impossibilita’ di salvare direttamente il nef modificato, sebbene il programma sembra che lo faccia ingannando l’utente.
    Veniamo alla funzione che piu’ sto cercando (e di cui accetterei volentieri dei suggerimenti su dove trovarla), la catalogazione e ricerca.
    Secondo me GX ha delle buone basi per diventare un buon catalogatore con buonissime funzione di ricerca. Si ha la possibilita’ di eseguire query anche concatenate su tutti i dati exif, anche sulla lunghezza focale utilizzata, facendo vedere le relative preview in miniature dei risultati. La grossa mancanza purtroppo consiste nel non poter EDITARE il catalogo. Mi spiego, avendo fatto delle copie chesso’ su un dvd e questo lo carico nel programma, non ho possibilita’ di dire che quelle foto sono del dvd chiamato “Backup2010”, ma semplicemente il programma mi dice che la foto risiede nel percorso “D:fotonomefoto.nef”.
    Quindi non mi da possibilita’ di sapere dove avevo salvato tale foto.
    Mi rimane il dubbio nell’utilizzo di un database in formato ACCESS.
    In questo campo il software “Microsoft Media Expression” era insuperabile, peccato per la licenza di acquisto che era di ca 600€.

    In conclusione, direi che e’ un software da tenere d’occhio, con delle buone possibilita’ di sviluppo, ma presenta alcune mancanze che lo rendono inferiore a quasi la totalita’ dei programmi in circolazione.
    Ripeto, l’ho provato una mezzoretta, forse un po di piu’, e mi farebbe piacere avere una smentita sulle mie impressioni negative.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.