Approfitto della Canon Fantastica di Reflex.it

Reading Time: 2 minutes
close

Italiano: Questo post è stato pubblicato 8 anni 4 mesi 7 giorni fà e potrebbe quindi non essere più attendibile. Questo sito non è responsabile per qualsiasi incomprensione o problema derivante dalla lettura del presente post.

Dopo aver letto l’articolo apparso su Reflex.it dove si parla di una fantomatica Reflex annunciata da Canon, mi sono venute in mente alcune considerazione, fra l’altro espresse sul gruppo flickr di Fotografia Reflex, circa le caratteristiche che vorrei trovare nelle macchine del futuro.

Un piccolo abstract dell’articolo:

Parigi 12 ottobre – Canon lancia la fotocamera del futuro: altissima sensibilità, ultra zoom, ripresa solo video con super alta definizione. All’Expo 2010, evento quinquennale, dove la casa giapponese presenta in particolare le sue tecnologie più avanzate, sono state mostrate una serie di importanti soluzioni per la fotografia. La più curiosa è senza dubbio la Wonder Camera, bianca super carenata. Di questa poco si sa, ma quel poco dice molto. Sensore ad altissima definizione (Canon ha pronto un 120 MP formato APS-C), zoom “Adavanced” da 100x o più con sistema ottico-digitale grazie al sensore ad altissima definizione.

Quali sono secondo voi le caratteristiche fondamentali per le macchine fotografiche del futuro?

Le mie, alla rinfusa, sono più o meno:

La macchina del futuro, a mio parere, “non deve essere cosi grande”. La macchina del futuro deve pensare 300 grammi (e le ottiche meno della metà di questo peso), deve essere dotata di touch screen (come molte già lo sono) ed avere la possibilità di connettersi a storage remoti via “qualsiasi cosa” ed avere memorie solide “enormi” già di loro. Le schede di memoria un optional (o usate come backup).

L’autofocus? ancora? dovranno avere un multifocus ovvero la capacità di mettere a fuoco più piani contemporaneamente e a scelta dell’operatore.
Latitudine di posa pari, non voglio esagerare, a quella dell’occhio umano.
Lo stabilizzatore? ma si, ma che sia giroscopico e direttamente nel corpo macchina.
Ok, la smetto.

e poi:

“Ah già … dici che poi bisogna anche saperla usare … mumble mumble … riformulo con calma il mio progetto e ve ne renderò partecipi.

Detto questo però…non si parla mai di portare la latitudine di posa (non mi viene il termine per i sensori) a livelli uguali se non superiori di quelli dell’occhio umano.
A che servono 24 MP se poi la metà sono neri o bianchi?”

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.