Help Portrait

Reading Time: 1 minute
close

Italiano: Questo post è stato pubblicato 8 anni 2 mesi 20 giorni fà e potrebbe quindi non essere più attendibile. Questo sito non è responsabile per qualsiasi incomprensione o problema derivante dalla lettura del presente post.

Faccio eco alla notizia pubblicata da Sara Lando sul suo blog, invitando anche voi ad aderire, ecco quello che ci dice Sara (andatela a ringraziare postando un commento sul suo blog please!)

Come l’anno scorso, vi ricordo anche quest’anno l’iniziativa di Help Portrait, che quest’anno e’ previsto per il 4 dicembre.
Si tratta semplicemente di fare un ritratto a qualcuno che non avrebbe i mezzi o la possibilità di farlo, gratuitamente, e poi di fargli avere una stampa con il prodotto finito.

Non deve per forza essere un istituto per bambini malati, il ritratto di gente che ha salvato vite umane o qualcosa di grandioso e nobile (beh, non deve nemmeno NON esserlo… vedete voi). Puo’ essere la foto alla vostra amica che ha appena avuto un bambino e non ha soldi per far fare dei ritratti a un fotografo perche’ ha un mutuo, lo stipendio al 30% e i pannolini costano come se fossero rivestiti d’oro. Puo’ essere la vostra maestra delle elementari che non sa quanto sia stata importante per voi perche’ vi ha allungato la sua copia personale “lo hobbit” di nascosto e vi ha cambiato la vita. Non deve nemmeno per forza essere il ritratto del secolo. Se avete una macchina fotografica e la voglia di mettervi in gioco, e’ un’occasione in piu’ per farlo.

6 Replies to “Help Portrait”

  1. Grazie della replica Eleonora, anche il tuo è un’altro pezzo di conoscenza da prendere e mettere in mente.
    Sono contento che l’esperienza ti abbia arricchito e che l’anno prossimo replicherai.
    In tutta sincerità spero di poterlo fare anche io nel 2011.
    Ciao

  2. Si è da poco concluso anche nella mia città, Taranto, questo evento che, per tutte le persone che ne hanno preso parte non è affatto stata una ‘puttanata’. Io ho un’associazione benefica e, superato un primo momento di perplessità in cui anche io ho pensato potesse trattarsi di una ‘puttanata’ o di un modo egoistico per mettere sotto i riflettori chi tende a nascondersi, chi soffre, ho accettato l’invito del circolo fotografico ‘Il Castello’di Taranto e quanto segue è ciò che ho scritto appena tornata a casa! P.S.Io non so cosa farò domani, ma so certamente cosa farò il 3 Dicembre 2011! Help portrai è un dono d’amore indimenticabile!!

    Si è conclusa da poco in 40 nazioni del mondo l’evento ‘help portrait’ che quest’anno ha coinvolto, grazie al lavoro del circolo culturale ‘Il Castello’, anche Taranto.

    Oggi nelle città che hanno partecipato a questo evento è stata regalata una foto agli indigenti.

    Ma perchè proprio una foto a chi non ha come pagare la bolletta, a chi spesso non sa cosa mangiare, a chi quasi ogni giorno viene umiliato perchè è vestito come un ‘diverso’? Perchè mai proprio una foto? E perchè proprio a loro?

    Quando si parla di bisognosi è necessario innanzitutto chiedersi ‘bisognosi di cosa?’.

    Gli amici che abbiamo conosciuto con la nostra associazione (www.abfo.it) hanno bisogno soprattutto di emozioni. Perchè senza emozioni non si è vivi.

    Ciò che più addolorava noi volontari dell’abfo quando abbiamo conosciuto alcuni bambini, era la profonda tristezza nei loro volti dolcissimi. Bambini che già da piccoli avevano conosciuto il problema della bolletta, del freddo, della violenza, del fitto di casa, del lavoro che manca.

    Una foto non cambierà la loro vita, certo! Come nemmeno potranno farlo le feste di compleanno che organizziamo per loro, le gite al parco, il giro sul cavallo, la serata al circo o la giornata al mare. Ma sono il seme di una speranza che qualcosa possa cambiare. Che non esiste solo un mondo triste.

    Oggi pensavo a quante storie drammatiche si nascondono dietro i sorrisi impressi in quelle foto. E oggi pensavo che c’è SEMPRE, comunque, un motivo nuovo per sorridere!

    ‘Una foto è ripetere all’infinito un momento accaduto una sola volta’ R.Barthes

    Grazie amici del circolo fotografico ‘Il Castello’ di Taranto per averci fatto vivere questa nuova emozione e averla impressa su una foto che porteremo sempre nei nostri cuori!


  3. Samuele:

    A me sembra una grandissima ‘puttanata’. Ma magari mi sbaglio… :)

    Ah ah ah, be, magari lo è…certo fa comodo ad Hp che la gente stampi foto e le regali.
    Io la vedo come una buona occasione per fare portfolio e sperimentare, al di la dell’aspetto benefico.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.