Fotografia Siamo tornati a casa

25 Feb 2011by adolfo19
Reading Time: 2 minutes
close

Italiano: Questo post è stato pubblicato 7 anni 9 mesi 16 giorni fà e potrebbe quindi non essere più attendibile. Questo sito non è responsabile per qualsiasi incomprensione o problema derivante dalla lettura del presente post.

Eccoci, finalmente siamo tutti a casa. Prima di qualsiasi altra cosa voglio ringraziare tutti quanti Voi per l’averci tenuto su con i vostri messaggi e commenti, vi assicuro che ci avete dato una grossa mano.

Lo scopo dei post su questo blog, che di solito si occupa di fotografia, era esattamente quello di darvi ed avere notizie.

Nel caos e con tutti gli interventi atti a disturbare anzi ad impedire le comunicazioni siamo riusciti, in alcuni momenti, soltanto in questo modo a comunicare.

E nonostante questo il nostro team interno, la nostra unità di crisi istituita dalla Ericsson è riuscita, grazie ad un’organizzazione grandiosa, a tenersi sempre in contatto con noi (nei limiti del possibile) con tutti i mezzi possibili, dal telefono ai segnali di fumo ^_^

E tutto questo in condizioni di guerra civile… pensate che oltre ad internet è riuscito a disturbare anche le comunicazioni satellitari (telefoniche).

Per ora voglio soltanto riposare, salutare e rivedere i miei compagni di avventura (Fabrizio sta bene gh gh gh) e non mi và di raccontare di cosa abbiamo vissuto all’aeroporto di Tripoli per partire, la cosa importante è che ce l’abbiamo fatta.

Si poteva fare di più o meglio? Chissà, ma dato che nessuno di noi, ne a Roma ne a Tripoli ha ed aveva la palla di vetro non avevamo in nessun modo previsto una escalation del genere.

Certo è che dal nostro governo ci aspettavamo una maggiore reattività, ma forse parlo da “sopravvissuto” che, dato lo spavento ha ancora molta “rabbia” da smaltire.

Ringrazio di nuovo tutti quanti Voi e riprendiamo a scrivere cazzate come sempre ;-)

19 comments

  • adolfo

    2 Mar 2011 at 16:36

    @Na2GuL: oramai rilascio dichiarazioni soltanto alla presenza del mio avvocato e con il medico presente ah ah ah ah
    A parte gli scherzi tutto bene, si inizia a rientrare nella normalità anche se io, a differenza degli altri colleghi, sono dovuto rientrare il giorno dopo al lavoro per sanare la situazione stampa per cui non mi sono rilassato per unca. Ma stiamo provvedendo ;-)

  • Na2GuL

    2 Mar 2011 at 14:21

    Adolfo, a distanza di 3 giorni cosa ci racconti?
    Stai rientrando nella quotidianita’ della vita?
    Come ti senti ora?

  • adolfo

    26 Feb 2011 at 20:33

    @Silvio: grazie caro, un giorno ci facciamo due chiacchiere ^^
    @Mirco: grazie mille.
    @giorgio: critino ;-)
    @Amelie: grazie di cuore per le tue parole. Io vorrei contattare alcune persone giù ma ci credi che ho paura che non rispondano? :-(

  • Amelie

    26 Feb 2011 at 12:39

    Bentornato a casa Adolfo, e un abbraccio virtuale a chi aspetta di ricongiungersi con i propri cari.

    Come ti dicevo nel precedente post, non ci conosciamo ma sono giunta nel blog tramite un link del corriere.it.

    Sono stata molte volte a Tripoli qualche anno fa per lavoro, ora cerco di immaginare come possa essere in questo momento. Deve essere terribile. Ripenso ai luoghi che frequentavo, ai miei adorati snack bar di shawarma, e mi salgono le lacrime agli occhi. Sto tentando di contattare alcuni ex colleghi locali, ma con grandissime difficoltà. Spero in bene.

    Bentornato a casa, Amdul’llah.

    Amelie

  • Marco

    26 Feb 2011 at 02:47


    andbad:

    Anch’io sono felice.
    Seguivo con un po’ di ansia sia il blog che la TV (molto meno, ques’ultima). Dico solo che ogni volta che sentivo parlare gli esponenti del nostro Governo, pensavo al fatto che avevano in mano il destino tuo e di tutti i nostri connazionali in quel paese…e pregavo che non dicessero (troppe) cazzate.
    Per fortuna è andata bene.
    By(t)e

    Bentornati ragazzi!!!!

  • giorgio benni

    25 Feb 2011 at 23:08

    e adesso un po’ di pubblicità…

  • Silvio

    25 Feb 2011 at 22:13

    Sono contento per tutti voi! ed ora goditi il meritato riposo ;-)

  • Mirco

    25 Feb 2011 at 22:18

    Ciao Adolfo, che gioia rileggere che sei tornato!!!

  • Na2GuL

    25 Feb 2011 at 19:26

    gg

    bentornato

    Una domanda: ma invece di aspettare cosi’ tanto, non facevate prima a prendere un barcone da profughi e venir su’?
    (ormai e’ finita e ci possiamo scherzare su)
    ^_^

  • viviana

    25 Feb 2011 at 19:09

    attendiamo foto mirabolanti.
    tipo: il colonnello che arringa la folla dal cammello esibendo sul turbante una farfallina, dono del suo amico silvio.

    no, eh?

  • adolfo

    25 Feb 2011 at 19:53

    @viviana: non ti aspettare chissa che, erano momentacci.
    @Na2GuL: stranamente clickbloB non ha copioato nessuna notizia…che puzzoni gh gh gh

  • adolfo

    25 Feb 2011 at 17:15

    Le devo scaricare, stasera metto qualche cosina per gioco ^_^

  • Claudia Rocchini

    25 Feb 2011 at 16:33

    Bene, torniamo a parlare di fotografia: qualcuno ti ha fatto uno scatto strategico mentre litigavi con le cernie del sughetto? :-)

  • Salvo Pappalardo

    25 Feb 2011 at 16:01

    Con Ansia ho aspettato questo post e quando non hai pubblicato nulla per 2 giorni mi sono preoccupato seriamente, non facevo altro che controllare i feed… Riprenditi.. aspettiamo i tuoi post e la normalità!!

  • matrix

    25 Feb 2011 at 14:57

    Sono davvero contento per te
    Ora vedi di riprenderti che poi magari assieme al mio amico Max ci si si incontra magari uan domenica assieme
    ciao adolfone

  • adolfo

    25 Feb 2011 at 15:28

    Vi coglio bene a tutti, grazie ^_^

  • Lisa

    25 Feb 2011 at 15:14

    Sai che c’è una casa, nel parmense, che è felice che tu sia a casa e che spera che un altro membro della famiglia (acquisito da parte mia) torni a casa sano e salvo.
    Lisa

  • etrusco

    25 Feb 2011 at 15:08

    Riprenditi Ado….e bentornato!

  • andbad

    25 Feb 2011 at 15:06

    Anch’io sono felice.
    Seguivo con un po’ di ansia sia il blog che la TV (molto meno, ques’ultima). Dico solo che ogni volta che sentivo parlare gli esponenti del nostro Governo, pensavo al fatto che avevano in mano il destino tuo e di tutti i nostri connazionali in quel paese…e pregavo che non dicessero (troppe) cazzate.
    Per fortuna è andata bene.

    By(t)e

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: