10 Principi per una buona fotografia

_ADT5968_0
Copyright © 2010 Adolfo Trinca

Andando avanti con l’età si tende inevitabilmente, salvo rari casi, ad apprezzare le cose alla vecchia maniera guardando con diffidenza alle novità, un po per pigrizia un po per rallentamento neuronale. Tendiamo a preferire cellulari semplici e ad approfondire le tecniche che già conosciamo a quelle nuove.

Chesso’, l’HDR ad esempio. Non lo amo alla follia ma ammetto di rimanere affascinato dagli effetti che può produrre se usato con “saggezza”.

Fatta questa piccola introduzione, voglio spezzare una lancia a mio favore (sulla schiena) dicendo che se ho un pregio è quello di non precludermi nessuna possibilità a priori e di cercare sempre di vedere le cose (magari capendole) con mente aperta e sempre pronto a mettere in discussione le mie convinzioni.

Quindi, arrivo alla fine, vi segnalo questo articolo apparso su Cultorweb.com dove si presenta un’articolo scritto da Trey Ratcliff (un artista fotografo che ha girato praticamente tutto il mondo realizzando scatti indimenticabili) amante dell’HDR, sul suo sito trovate diversi tutorial, che ci da 10 consigli per fare delle buone foto.

Spero che la lettura del post vi sia utile.

YoHDR!

YoHDR! un sito tramite il quale potrete realizzare le vostre foto HDR online, senza bisogno di installare nulla.

Ovviamente non avrete il pieno controllo della situazione ma se proprio non riuscite a fare a meno di farlo sto HDR potete provare senza spendere una lira.

Spiegare l’HDR con un semplice diagramma

Un utente di Reddit, MacTuitui, ha creato questo semplice diagramma (click per aprirlo a grandezza reale) che spiega l’idea che c’è dietro la fotografia HDR.

Il primo punto (LDR) mostra come in una foto normale è impossibile catturare tutta la gamma dinamica di una scena ovvero sia le alte luci che le zone di ombra presenti.

Due (o più) fotografie prese con differenti esposizioni permettono di catturare un range dinamico molto maggiore (tanto quanto è maggiore la differenza fra l’esposizione minore e quella maggiore) e di conseguenza permettono di ottenere una immagine con un range dinamico molto altro, HDR appunto.

Siccome molti monitor (la maggior parte) non sono in grado di visualizzare tutta questa gamma dinamica, l’immagine deve essere tone mapped per essere poi visualizzata su un monitor LDR.

Complicato?

Il mio primo HDR

Be, alla fine non potevo non provare a farne uno. Tanto avevo già le tre foto pronte … si si, quelle utilizzate nell’articolo Leggere un istogramma
. A quel punto mancava soltanto di scaricare la versione di prova di Photomatix ed ecco il risultato.

Prospettive HDR
Copyright Adolfo Trinca 2010 - All Rights Reserved

Che ne dite?