XnConvert: software gratuito per convertire e ridurre file immagine in serie

Sicuramente conoscerete XnView, fantastico visualizzatore di immagini che fra le altre cose supporta i plugin di Photoshop.

Bene la stessa software house ha creato XnConvert, software gratuito che non solo converte le immagini in vari formati (oltre i 500), ma consente anche di ridurne le dimensioni per la pubblicazione su internet ad esempio.

Il programma è disponibile per Windows, Mac e Linux (32 e 64 bit) in varie lingue fra cui l’italiano. Esiste anche una versione portabile che non richiede installazione e che può essere scarica da qui.

La conversione delle immagini può avvenire in batch per un’intera cartella e si ha a disposizione un bel editor grafico che offre la possibilità di ruotare le immagini o di ritagliarle ma anche la correzione di contrasto, luminosità, l’aggiunta di filtri e maschere, l’inserimento di watewrmark e scritte e via dicendo.

[via: MaestroAlberto]

AmoK Exif Sorter: rinominare e gestire le foto con gli Exif

AmoK Exif Sorter è una soluzione interessante per chi vuole rinominare ed archiviare le proprie foto basandosi sui metadati in essi contenute (dati exif e iptc). Vi ricordo che le informazioni contenute riguardano la data in cui la foto è stata scattata (sistemate l’ora della vostra fotocamera) ma anche informazioni sul modello di fotocamera usata, sull’apertura, l’esposizione gli iso la size ecc ecc.

Come ho già scritto non si limiterà a rinominare le vostre immagini ma vi permetterà di creare delle strutture (directory) utilizzando ancora una volta i metadati contenuti nella foto, un po come fanno software più blasonati quali Lightroom.

E’ scritto in java per cui multi piattaforma ed è free, il che lo rende ancora più interessante.

Ecco in dettaglio le caratteristiche del software:

  • Rinomina veloce delle basata sui metadati Exif ed IPTC
  • Supporto di tutti i dati Exif / IPTC
  • Definizione delle regole di rinomina basato su tag (%year%, %month%, %day%, …)
  • Le foto possono essere rinominate, mosse o copiate
  • Preview dei nuovi filenames in real-time
  • Possibilità di processare dal singolo file ad intere directory (comprese le sub directory)
  • Export dei dati Exif e IPTC come file di testo o xml
  • Visualizzatore di foto integrato
  • Supporto del Drag & Drop
  • Verifica degli update automatico
  • Multi piattaforma (gira su Windows 32-64 bit, Linux e Mac)
  • Supporto GRATUITO in inglese via email
  • 100% free per uso privato non commerciale
  • Con o senza necessita di installazione

Che altro volete ?

Cliccate qui per scaricare l’applicazione.

MAC o PC: molta sorpresa e piccolo sfogo

Ho comperato un Hp Pavillion DV8 (spero che quanto cliccherete sia ancora disponibile) pagato 1399 euro.
Andate sul sito HP a vederne le caratteristiche hw e software vene prego; vi dico soltanto che ho il lettore di impronte digitali da usare per accedere il pc ed il sobwoofer.
Non sono pazzo, uso il tizio per lavoro ed avevo bisogno di trasportabilità e di molta, molta potenza (uso pesante di Photoshop ed altre amenità grafiche) ecco dunque la giustificazione per l’acquisto di un mostro coi cingoli.
Molti mi hanno preso per pazzo dicendo che a quel prezzo avrei preso un Mac.
Bene, io prima di spendere uno stipendio alto di un’operaio iper qualificato sono andato a fare ANCHE un preventivo per il Mac, eccome se ci sono andato, non butto soldi perché devo difendere l’una o l’altra fazione!
Mi sono chiesto: per una macchina Mac di uguali caratteristiche quanto avrei dovuto spendere? Fra me e me ho almeno un buon 20% cento in più.
Poi sono andato sull’Apple Store ….. 2538 euro !!!
Avrei dovuto pagare più mille auro un sistema operativo basato su Linux?!
E poi a parità di processore accontentarmi di 2 Gbyte di RAM in meno, un monitor da 17 invece che da 18,4, una scheda video (la stessa) da 512 Mega invece che da 1Gbyte ed un solo disco da 500 Gbyte invece che 2 ?!
Io penso questo a sto punto di Apple: l’unica cosa che fa andare avanti (per quanto mi riguarda) i Mac è l’assenza di un Photoshop per Linux (non cominciate con Gimp perché non è la stessa cosa almeno se volete stampare e lavorare con immagini a più di 8bit e cioè in maniera professionale) e della convinzione di molti che un sistema operativo possa costare 1100 euro!
E non rompete con l’affidabilità, ho un Think Pad con Pentium 90 e 16 mega di RAM della IBM che gira dal 1994 e lo usa mia nipote dall’eta di 5 anni (immaginate che gli ha potuto fare!!)
Adesso vi prego, convincetemi che ho buttato dei soldi perché proprio non ci arrivo da solo! Anzi, perché non organizziamo una comparativa?? Fatevi sotto!