Fotografia: 7 Domande prima di scattare

Sara
Copyright Adolfo Trinca 2010 - All Rights Reserved

Ho trovato molto interessante l’articolo apparso su ClickBlog, che a sua volta riprende l’originale apparso su PhotoFocus, nel quale si suggeriscono 7 domande a cui dare risposta prima di scattare una foto.

Questo solo se si vuole fare una foto che non sia come tutte le altre foto ma una cosa … diversa. Diciamo la verità…chi di noi ogni volta che scatta una foto non vorrebbe che fosse speciale?

Io provo a rispondere,  fatemi sapere come vi è andata!

  • Qual è il soggetto di questa fotografia?
  • Che storia racconterebbe questa fotografia ad un osservatore?
  • Scatto questa fotografia perché mi interessa il soggetto o solo perché ho una fotocamera a portata di mano?
  • Importerà a qualcuno di questa foto?
  • Aiuterà o danneggerà qualcuno?
  • Susciterà delle emozioni in me che la scatto e/o nell’osservatore?

Gocce d’acqua, come le fotografo?

Ho visto su YouTube un video molto carino, riportato anche da ClickBlog, che spiega in maniera semplice come scattare delle bellissime fotografie alle gocce d’acqua che cadono.

Me ne sono innamorato e ve lo ripropongo anche qui.

15 punti per valutare un obiettivo

Particolare-Sigma-70-210-APO-f2.8

Riporto fedelmente la traduzione dell’articolo apparso su  PhotoFocus ad opera di ClickBlog:

Spesso si sente parlare di un obiettivo per quanto sia nitido, ma per ogni obiettivo c’è anche molto altro.

1. Nitidezza
Uno dei punti più importanti e che influenza in maniera significativa il contrasto delle foto scattate. Bisogna sempre tenere presente che anche gli obiettivi più scarsi tendono ad essere nitidi al centro dell’inquadratura.

Bisogna fare molta più attenzione ai bordi dell’immagine dov’è più semplice notare la differenza di qualità fra due obiettivi.

2. Apertura
La massima apertura è molto importante se pensate di scattare con poca luce, ma è un ottimo parametro per intuire la qualità delle lenti all’interno. Se potete permettervelo comprate lenti con grandi aperture o zoom con apertura costante a tutte le lunghezze focali.

3. Distanza minima di messa a fuoco
Un elemento importante, ma che si può valutare solo singolarmente perché ogni fotografo ha richieste differenti. Spesso, ma non sempre, gli obiettivi migliori hanno una distanza minima di messa a fuoco minore.

4. Lenti
Le lenti sono molto importanti per le prestazioni. Gli elementi a bassa dispersione o asferici servono a ridurre le aberrazioni cromatiche, distorsioni e, quindi, mantenere il contrasto. Più elementi di questo tipo sono presenti e più alta potrebbe essere la qualità.

5. Obiettivi crop
Il mercato contiene molti obiettivi realizzati solamente per fotocamera a formato ridotto APS-C che non possono essere utilizzati per reflex full frame o analogiche.

6. Riflessi
I riflessi posso manifestarsi come forme geometriche ripetute o come zone con contrasto ridotto. Spesso non si notano nel mirino, ma possono rovinare le foto. Per limitare questo problema utilizzare il paraluce, mentre per testarne il comportamento provate a fotografare controluce.

7. Aberrazioni cromatiche
Si tratta di linee colorate attorno agli oggetti o aloni che contornano oggetti molto contrastati. Si nota più spesso a grandi aperture. Tutti gli obiettivi soffrono di aberrazioni, ma quelli più professionali in maniera minore da rendere le correzioni al fotoritocco opzionali.

8. Bokeh
Il bokeh è la qualità dello sfocato generato da un obiettivo nelle aree fuori fuoco. Meno è definito e miglior è il bokeh.

9. Perdita di luminosità
La luminosità dev’essere la stessa al centro ed ai bordi e per fare una prova basta scattare alla massima apertura una foto al cielo.

10. Peso
Un parametro semplice da misurare. Normalmente cercate gli obiettivi più leggeri che rispondono alle vostre caratteristiche.

11. Qualità costruttiva
Obiettivi con molta plastica sono molto meno resistenti rispetto ad altri completamente in metallo e tropicalizzati. In mano deve dare una sensazione di solidità.

12. Velocità di messa a fuoco
La velocità in alcuni casi può essere fondamentale, come quando si scatta a soggetti in movimento.

13. Stabilizzatore
Lo stabilizzatore può essere molto importante soprattutto all’aumentare della lunghezza focale. Alcuni funzionano anche con i treppiedi, altri no.

14. Ergonomia
Una caratteristica più personale. Le ghiere si girano facilmente? Sono messe alla giusta distanza? L’obiettivo si tiene bene in mano?

15. Prezzo
Alla fine il fattore più determinante nell’acquisto. Se un obiettivo costa troppo cercatene qualcuno nella fascia di prezzo per cui siete disposti a spendere. Valutate tutti i punti ricordando sempre di quanto state per pagare e se vi serve realmente oppure no.

PhotoCritic -> ClickBlog -> Come catturare la decadenza urbana

Nella continua ed inesauribile voglia di trovare belle idee e cose nuove da fotografare, spesso inciampo in articoletti interessanti come questo proposto da ClickBlog (traduzione dell’originale postato su PhotoCritic):

In città ci sono tanti spunti per scattare foto, ma i quartieri in decadenza o gli edifici abbandonati possono comunicare con facilità emozioni forti.

1. Alzatevi presto
La prima mattina è uno dei momenti migliori per via della luce pulita e diffusa. Inoltre potrete vedere una città ancora più desolata e meno frequentata.

2. Date una prospettiva
Quando si fotografano degli edifici cercate di lasciare sempre un po’ di sfondo dietro per consentire di dare una prospettiva da cui apprezzarne le forme a chi guarda.

3. Chiedete il permesso
Sul suolo pubblico si può scattare come volete, ma in certe zone è necessario chiedere il permesso prima di entrare e fotografare. In futuro potrebbero persino appropriarsi dei diritti delle vostre foto.

4. Seguite la vita degli edifici
Fate foto al paesaggio prima della costruzione di un edificio, durante la costruzione e dopo la conclusione. Può essere la base di partenza per foto interessanti.

5. Guardate da angolazioni differenti
Non fermatevi alle prime apparenze, ma cercate di osservare le forme, le texture, gli angoli ed ogni caratteristica che può consentire una foto unica.

6. Che lenti usare
Gli obiettivi che potete usare vanno dai grandangoli, anche spinti, fino a 300mm per fotografare senza limitazioni e scattare da ogni angolazione.

7. Cos’altro portare
In base alle vostre esigente potreste portare con voi un treppiedi per foto in notturna, filtri, flash esterni, ecc.

8. Fate delle ricerche
Anche se potreste avere la fortuna di essere al posto giusto al momento giusto è meglio fare un po’ di ricerche e pianificare dove, come e quando scattare il vostro prossimo capolavoro.

9. Pensate alle foto come un tema
I paesaggi urbani sono pieni di elementi differenti, ma si possono sempre trovare i fili conduttori di temi differenti. Provate a realizzare una serie di scatti tematici.

10. La vita notturna
Di notte tutto cambia e si trasforma completamente. Potreste trovare molti spunti tra il tramonto e la notte fonda.

Come superare il BLOCCO del fotografo

hairtry_2Oggi faccio il doppio copione, mi limito a rimbalzare l’articolo apparso su clickblog.it dal titolo:

10 consigli per superare il blocco del fotografo

Come per gli scrittori anche chi fotografa può incagliarsi in un blocco che impedisce di riuscire ad esprimere la propria creatività con le immagini.

1. La sfida dei 100 passi
Prendete la vostra fotocamera ed uscite a passeggio. Contate i passi che fate ed ogni 100 fermatevi e scattate una foto. Se proprio non vi piacerà niente di quanto scattato avrete una fatto una passeggiata.

2. Ricreate le foto che vi piacciono
Tutti abbiamo delle foto che ci colpiscono in maniera particolare, magari appuntate usando il servizio di Image Spark di cui abbiamo parlato qualche giorno fa. Prendetene una e provate a ricrearla; non sarà originale, ma imparerete qualcosa.

3. Imparate dai migliori
Cercate tra i lavori dei fotografi migliori e cercate di capire cosa rendono belle le loro foto. Provate ad applicare certi elementi al vostro modo di fare per creare un nuovo stile. Recentemente abbiamo pubblicato 50 flickr stream da sfogliare se vi serve l’ispirazione.

4. Autoritratti
Voi siete l’unico modello sempre disponibile e disposto a fare qualsiasi cosa. Provate qualcosa che non fate mai. Provate a scattare un ritratto che faccia capire che siete voi senza che vi si veda il volto.

5. Raffica
120 minuti. 120 foto. In maniera simile al primo punto scattate una foto al minuto, ovunque siate. Questo consiglio funziona bene con la street photography.

6. Giocate con il caso
Scegliete una parola a caso ogni giorno. Provate ad illustrare con una foto quel concetto. Potete cercare l’ispirazione usando Google Image Search.

7. Le foto più interessanti di Flickr
Esplorate le foto più interessanti degli ultimi 7 giorni su Flickr.

8. Provate qualcosa di nuovo
Ci sono molti generi di fotografia. Se normalmente fate ritratti provate a fare panorami, se fate macro, provate a fare street, ecc…

9. Non scattate
Se non vi sentite proprio la voglia di scattate, non fatelo e magari provate a ritoccare le foto già scattate in cerca di nuove ispirazioni.

10. Smettete di rimandare
Il problema di fare le cose è sempre il primo passo. Smettetela di rimandare, prendere la fotocamera ed uscite a scattare.

Conoscere l’occhio umano per fare foto migliori

Conoscere l’occhio umano per fare foto migliori

Faccio eco all’articolo tradotto da ClickBlog e preso su PopPhoto che parla di come funzione l’occhio umano e su come e da cosa il nostro occhio viene attratto quando guarda le cose.

Devo dire interessante, ma ditemi voi.

Se siete interessati alla fotografia, allora conoscere cosa attrae l’occhio umano potrebbe aiutarvi a fare foto migliori.

Popphoto ha pubblicato una guida per fotografi all’occhio umano che cerca di fare ordine e chiarezza su questo tema. Quando si guarda una foto in cui ci sono delle persone gli occhi cercano innanzitutto indicazioni sulle possibili intenzioni amichevoli o meno dei soggetti e se questi possono rappresentare dei possibili partner. Questa viene chiamata visione “bottom-up”

Dopo l’occhio cerca oggetti luminosi o particolari e solo dopo arriva al riconoscimento vero e proprio dei volti noti. Tutto ciò avviene perché il cervello analizza il mondo prima con la parte più primitiva del cervello e solo dopo con la parte più sviluppata della nostra mente moderna. Questa viene chiamata visione “top-down”.

Per fare un esempio pratico ecco una citazione:

«Bottom-up is Robert Rauschenberg, top-down is Thomas Kinkade. You feel more comfortable with familiarity [Kinkade], but surprise and novelty [Rauschenberg] keep you looking.»

L’obiettivo per ogni fotografo sarebbe riuscire a soddisfare entrambi i tipi di visione, ma non sempre risulta così semplice. Resta molto importante appagare prima di tutto la parte più istintiva, pena realizzare una foto di difficile comprensione. Le informazioni sull’immagine vengono decomposte ed elaborate in maniera veloce da diverse parti del cervello e poi ricomposte per farci comprendere il senso di ciò che si vede.

Uno dei primi consigli che emerge dallo studio è che per fare delle foto attraenti bisogna guardare con il mirino e scattare senza pensare, facendosi guidare dalla parte più primitiva. Dopo si deciderà se lo scatto è da tenere oppure no.

Ecco una serie di fatti evidenziati sugli occhi:

Sensibilità
Gli iso degli occhi durante la notte è circa 800 e con la visione diurna che è circa 600 volte più sensibile significa che i nostri occhi lavorano ad iso 1.

Linee
Usando tecniche di tracciamento del movimento delle pupille si è dimostrato che gli occhi tendono a seguire le linee ed è quindi un’ottima idea quella di mettere il soggetto vicino alla intersezioni.

Occhi
Noi siamo influenzati senza saperlo dalle persone che sono accanto a noi e quando si guardano gli occhi di un’altra persona le nostre pupille si dilatano per avere lo stesso diametro di quelle dei volti ritratti. Si è dimostrato anche che le persone preferiscono le foto in cui il soggetto, umano o animale, ha le pupille dilatate, quindi evitate di sparare luci troppo forti negli occhi delle persone quando scattate un ritratto.

Gamma dinamica
Il rapporto di luminosità fra sole e stelle è di un miliardo ad uno e l’occhio umano riesce a coprire tutto l’insieme molto meglio di qualsiasi fotocamera. Quindi durante l’alba utilizzate un filtro a densità neutra graduata oppure utilizzate la tecnica HDR, soprattutto quando scattate di notte.

Bianco e nero
L’occhio non fa differenza fra colori, oppure bianco e nero. La cosa più importante è il contrasto e se l’oggetto diventa un punto di interesse per la visione. Quando scattate quindi cercate di avere forti contrasti dove volete più interesse.

Profondità di campo
Con una lunghezza focale di 22mm, una visione di 180° al massimo, i nostri occhi sono in grado di arrivare a f/3,5 completamente dilatati. Solo la parte centrale della retina, la fovea, è veramente a fuoco e nitido. Probabilmente è per questo che una profondità di campo ridotta è così affascinante, usatela a vostro vantaggio.

Risoluzione
La risoluzione degli occhi è di ben 576megapixel. Per i sensori c’è ancora molta strada da fare.

Illuminazione
Studiando 225 dipinti degli ultimi tre secoli si è visto che il 75% aveva un’illuminazione primaria che arrivava da sinistra e gli studi hanno confermato che in assenza di indizi i cervelli dei destrorsi inferiscono una luce proveniente da sinistra, mentre per i mancini è il contrario.

Volti
I nostri occhi sono attratti dai volti e sono in grado di capire immediatamente se si tratta di un predatore, di una preda o di un possibile partner. Quindi scattate più ritratti.

Sorpresa
La sorpresa è uno dei fattori di interesse principale. Anche se non è facile da definire è la relazione tra oggetti che cambia le vostre credenze sul mondo circostante.

Foto | karynsig
Via | PopPhoto